logo MLM

 

 

 

 

ELEMENTI DI RIFLESSIONE

PER RICONOSCERE LA MANIPOLAZIONE ALL'INTERNO DEI GRUPPI

E DIFENDERSI DALLE PERDITE ECONOMICHE

di Leonardo Luca Ferretti

www.trasformazioneconsapevole.it

 

 

Questa riflessione nasce da un'ampia esperienza quale partecipe inconsapevole e poi osservatore di sistemi nei quali il raggiungimento degli obiettivi aziendali e del gruppo sono sostenuti con metodiche che limitano la capacità personale di tutelare i propri interessi.

I sistemi di cui ho avuto notizia ed esperienza diretta presentano componenti simili ma miscelati in equilibri sempre diversi che però raggiungono l'esito di imbrigliare le persone in una rete costituita da sentimenti, pensieri ed attività volte ad obiettivi non rispondenti alla ricerca e creazione di un benessere personale e sociale reale.

Queste meccaniche fanno eco a quelle che si attivano in gruppi nei quali si condividono credenze di tipo religioso-spirituale e si alimenta il culto del leader e del maestro, di cui ho avuto esperienza diretta.

Dal mio punto di vista sono insite nell'essere umano che emergono e vengono usate secondo il contesto sociale e storico in cui ci si pone.

Attraverso lo sviluppo della consapevolezza individuale vi è la possibilità di essere preparati a queste “aggressioni mentali ed emozionali” in modo da mantenere la propria lucidità e scegliere la via migliore pe raggiungere i propri reali obiettivi di benessere.

 

LA VENDITA: UN CAMPO DI SPERIMENTAZIONE PER LE TECNICHE PSICOLOGICHE E DI ORIENTAMENTO DELLE MASSE

Sappiamo benissimo che sempre più ingenti capitali sono utilizzati per l'ottenimento di profitti attraverso le vendite di prodotti e servizi, con l'adozione di raffinati strumenti che sanno orientare i consumatori verso gli acquisti che sovente non sono i migliori in termini di qualità ed utilità. In questo vasto campo che rientrano in quello ancora più vasto dell'orientamento delle opinioni e dei comportamenti delle masse, mi voglio focalizzare su uno specifico fenomeno che ci permetta, quale esempio concreto, di allenare le nostre capacità di attenzione e salvaguardia: il multilevel marketing e i sistemi piramidali. Voglio subito chiarire che non si può generalizzare e semplificare un fenomeno complesso e che non tutti i sistemi multilevel marketing (in sigla MLM) sono di per sé squilibrati ma è possibile che, anche in quelli che per gran parte rispettano la libertà dei propri appartenenti, vi possano essere dei sottogruppi che usano pratiche a danno dei propri partecipanti. Mentre posso affermare che i sistemi piramidali invece oltre ad essere illegali (puniti penalmente in Italia e sanzionati in tutta Europa come anche negli Stati Uniti) sono di fatto sempre dannosi per chi ne venga coinvolto e per la società nel suo complesso. Infine MLM e sistemi piramidali sono cose diverse ma è possibile che entro un MLM si nasconda ed operi uno piramidale.

 

QUESTO LAVORO E' DI AIUTO NELLA:

  1. VALUTAZIONE DI UN SISTEMA QUANDO VIENE PROPOSTO. Aiutare quanti ricevono proposte di investimento ed inserimento in tali sistemi al fine di prevenire perdite economiche e di energie. Inoltre aiutare a disattivare quelle meccaniche squilibrate e di manipolazione che possono essere attuate a proprio danno.

  2. LIMITAZIONE DEI DANNI QUANDO SI E' NEL SISTEMA. Aiutare coloro che si trovino ancora coinvolti in tali sistemi di capirne i limiti e poter attuare scelte per il proprio bene. Assistere nella valutazione lucida delle meccaniche nelle quali si è vittime e compartecipanti.

  3. MIGLIORAMENTO DEL MULTILEVEL MARKETING. Permettere di migliorare i sistemi esistenti per poter giungere a delineare suggerimenti utili a chi utilizzi le vendite dirette nelle proprie aziende, rispettando gli obiettivi aziendali e nel contempo coloro che entrano nella vendita.

Per poter svolgere questa mia opera NON si faranno riferimenti a specifiche aziende al fine di evitare inutili conflitti con le medesime che toglierebbero energia alla ricerca che può, invece, essere di aiuto alle aziende stesse per migliorare le proprie metodiche di marketing, affiliazione, vendita ed espansione nel rispetto dei propri appartenenti.

Quindi invito i lettori e chi vorrà dialogare con me ad utilizzare gli elementi utili di questi scritti per poter fare da sé le proprie valutazioni. Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Non tutto è bianco o nero, come sappiamo, quindi non c'è qualcosa che abbia solo errori e totalmente sbagliata ma nelle varie situazioni divenire capaci di distinguere quelle sfumature che spesso non vengono percepite ci sarà di grande utilità e permetterà di avanzare verso una più ampia libertà.

 

RIFERIMENTI LEGISLATIVI LEGGE 173/2005

Il metodo di vendita conosciuto come Multilevel Marketing rientra nella categoria che il nostro legislatore ha denominato quale vendita diretta ed è stata specificatamente regolata con la legge n. 173 del 2005 (quale applicazione della direttiva europea 2005/29/CE). Di per sè quindi il MLM è ammesso se rispettoso delle regole definite nella legislazione ma la norma punisce severamente i sistemi piramidali che sono inseriti nella lista nera delle pratiche commerciali vietate dalla direttiva europea.

VENDITA DIRETTA

ART. 1. (Definizioni e ambito di applicazione della legge) Ai fini della presente legge si intendono: a) per "vendita diretta a domicilio", la forma speciale di vendita al dettaglio e di offerta di beni e servizi, di cui all'articolo 19 del decreto legislativo 31 marzo 1998, n. 114, effettuate tramite la raccolta di ordinativi di acquisto presso il domicilio del consumatore finale o nei locali nei quali il consumatore si trova, anche temporaneamente, per motivi personali, di lavoro, di studio, di intrattenimento o di svago;

DIVIETO VENDITE PIRAMIDALI

ART. 5. (Divieto delle forme di vendita piramidali e di giochi o catene)

1. Sono vietate la promozione e la realizzazione di attività e di strutture di vendita nelle quali l'incentivo economico primario dei componenti la struttura si fonda sul mero reclutamento di nuovi soggetti piuttosto che sulla loro capacità di vendere o promuovere la vendita di beni o servizi determinati direttamente o attraverso altri componenti la struttura.

2. È vietata, altresí, la promozione o l'organizzazione di tutte quelle operazioni, quali giochi, piani di sviluppo, "catene di Sant'Antonio", che configurano la possibilità di guadagno attraverso il puro e semplice reclutamento di altre persone e in cui il diritto a reclutare si trasferisce all'infinito previo il pagamento di un corrispettivo.

ART. 6. (Elementi presuntivi)

1. Costituisce elemento presuntivo della sussistenza di una operazione o di una struttura di vendita vietate ai sensi dell'articolo 5 la ricorrenza di una delle seguenti circostanze:

a) l'eventuale obbligo del soggetto reclutato di acquistare dall'impresa organizzatrice, ovvero da altro componente la struttura, una rilevante quantità di prodotti senza diritto di restituzione o rifusione del prezzo relativamente ai beni ancora vendibili, in misura non inferiore al 90 per cento del costo originario, nel caso di mancata o parzialmente mancata vendita al pubblico;

b) l'eventuale obbligo del soggetto reclutato di corrispondere, all'atto del reclutamento e comunque quale condizione per la permanenza nell'organizzazione, all'impresa organizzatrice o ad altro componente la struttura, una somma di denaro o titoli di credito o altri valori mobiliari e benefici finanziari in genere di rilevante entità e in assenza di una reale controprestazione;

c) l'eventuale obbligo del soggetto reclutato di acquistare, dall'impresa organizzatrice o da altro componente la struttura, materiali, beni o servizi, ivi compresi materiali didattici e corsi di formazione, non strettamente inerenti e necessari alla attività commerciale in questione e comunque non proporzionati al volume dell'attività svolta.

La normativa quindi ci aiuta ad individuare un elemento sul quale portare la nostra attenzione che è il reclutamento, cioè l'inserimento di nuove persone nel sistema di vendita diretta, ed il motivo che è alla base di questo. Di per sé il fatto che si cerchino persone per inserirle nella varie forme di collaborazione lavorativa non è certamente un problema ma lo squilibrio che viene punito è quando il sistema del reclutamento è ciò che crea profitto per chi mette in pratica questa modalità di vendita. A ben vedere infatti l'obiettivo che si persegue nei sistemi piramidali è l'acquisizione di denaro da parte di coloro che vengono invitati ad entrare nel sistema stesso, non offrendo in cambio un servizio od un bene di un valore corrispettivo a quello richiesto ma, bensì, un ingresso nella piramide che garantirà profitti grazie a quanto versato da coloro che seguiranno. Normalmente una proposta di questo genere appare di grande chiarezza quale irregolare e pertanto si maschera questo meccanismo con beni e servizi di facciata e confondendo il partecipante attraverso sistemi molto complessi. Sull'aspetto del reclutamento mi concentrerò nel mio lavoro perché esso è il punto chiave che ci permette di proteggere noi stessi ed i nostri rapporti familiari e di amicizia. Più saremo lucidi e conosceremo gli squilibri che possono verificarsi e meglio sapremo salvaguardare il bene più grande che è la nostra libertà personale.

 

 

Nei sistemi piramidali il prodotto sei tu.

 

Infatti al di là del bene scelto quale apparente oggetto della vendita, ciò a cui si mira è la capacità di ogni persona di monetizzare i propri rapporti personali attraverso quel meccanismo di fiducia che lega le persone tra loro. Quindi sappiamo che quando un amico, qualcuno a noi familiare oppure in una posizione di autorità ci consiglia qualcosa, adottiamo delle cautele diverse rispetto a quando entriamo in un negozio ad acquistare spinti dalla nostra necessità. Quando entrano in gioco le leve emozionali ed i rapporti di fiducia o timore con le altre persone, possiamo trovarci a “comprare qualcosa” più per questi fattori che non per l'interesse reale nell'oggetto della proposta.

 

Nei sistemi piramidali si monetizza la fiducia ed i rapporti interpersonali.

 

L'influenza che noi abbiamo sulle persone che conosciamo è innegabile e non sempre è sbagliato usare le leve dell'amicizia e dell'autorità per raggiungere degli obiettivi. Sono aspetti dei rapporti che tutti conosciamo benissimo ma non siamo sempre attenti a come altri possano indurci ad usare questa forza non per il bene nostro e delle persone a noi vicine quanto piuttosto per un obiettivo scelto da altri che, in questo caso, può essere di tipo economico.

 

Il miglior venditore è quello in buona fede.

 

Poiché la maggior parte delle persone vuole tutelare la propria vita personale ed i propri affetti, difficilmente si hanno persone che con lucidità scelgono di sfruttare questi rapporti per fini economici. Ecco che il sistema che cerca appartenenti per la propria crescita adotta strategie di comunicazioni tali che descrivono l'ingresso nel sistema come una grande opportunità di benessere da non lasciarsi sfuggire. Ciò si trasferisce immediatamente nella proposta di persone che, in buona fede, vogliano aiutare coloro che conoscono. Quindi il sistema piramidale è raramente indicato con chiarezza nelle sue meccaniche ma inserito in sistemi complessi nei quali può passare come una parte non rilevante. Osservando però l'agire delle persone e valutando effettivamente quello che viene acquistato, il reale valore di mercato e l'effettiva utilità per l'acquirente si può capire se in qualche modo vi sia un meccanismo piramidale in azione. Spesso non è sempre semplice fare valutazioni oggettive poiché si è avvolti da una forma di irrazionalità che è alimentata dalla voglia di raggiungere i propri obiettivi e realizzare i propri sogni.

 

Il sistema piramidale acceca la razionalità usando i tuoi sogni e desideri.

 

Difatti accade che quando viviamo una vita che non ci soddisfa pienamente ove non abbiamo per noi raggiunto i risultati che ci aspettavamo, nutrendo in noi un senso di volerci riscattare in qualche modo oppure di raggiungere finalmente quello che meritiamo, siamo vulnerabili verso coloro che ci offrono un'apparente soluzione, soprattutto quando appare facile e veloce.

Anche chi ha avuto successo nella vita può nutrire la voglia di avere di più, essere di più, quindi anche persone di esperienza possono essere indotte ad entrare in un sistema che promette la via per realizzare i propri desideri (se ci pensate non c'è mai fine ai desideri creati da una società che misura il nostro valore in base al nostro successo).

Quindi il prodotto ed il sistema proposto divengono solo lo strumento per raggiungere i nostri scopi e questo crea una riduzione dell'attenzione che è assorbita da “quel che potremmo fare grazie ai vantaggi che il sistema mi darà”. In pratica diventa accettabile ciò che normalmente non accoglieremmo perché non adeguato a noi oppure lo vedremmo nella sua incapacità di funzionare. Siamo talmente desiderosi di raggiungere il nostro sogno che crediamo quasi con fede che il meccanismo potrà funzionare. I pensieri che ho accennato sono alcuni e si attivano a seguito di una serie di elementi che interagiscono tra loro, che deformano letteralmente la visione della realtà. Sono solo degli esempi ma possono aiutarci a comprendere che l'entusiasmo e le leve emozionali possono zittire la nostra parte razionale, almeno per un tempo sufficiente a dare denaro in qualcosa che non è in sintonia con il nostro miglior bene.

 

 

Nel sistema piramidale ben pochi guadagnano: la loro ricchezza poggia sul tuo insuccesso.

 

 

Infine la ricchezza che viene promessa a quanti entrano nel sistema rimane esclusiva di coloro che sono al vertice della piramide o delle varie sottopiramidi che si creano man mano che aumenta il numero di appartenenti. Le previsioni di guadagno sono spesso negate da una realtà ove la maggioranza dei partecipanti non riesce nemmeno a recuperare il proprio investimento/acquisto e certamente non vede remunerato il proprio impegno in maniera comparabile con altri settori. Spesso si promette un lavoro ma si sta offrendo, in realtà, di divenire un consumatore di prodotti costosi ed inutili. A ben vedere ciò che si sta “acquistando” è l'illusione di una vita migliore che però conduce ad un risveglio molto duro. Le tecniche di comunicazione adottate, inoltre, sottilmente riversano la responsabilità dell'insuccesso sulle persone, creando dei danni psicologici. Il principio che viene inculcato è che “il sistema funziona ma sei tu a non essere capace” lasciando prostrati dopo aver tentato, spesso affannosamente, di seguire le istruzioni dei più esperti. In realtà il sistema è fallimentare nella sua essenza o produttivo di vantaggio solo per pochi che poggiano il loro arricchimento sulla buona fede e speranze degli altri e spesso possiamo dire che il successo altrui nasce dall'insuccesso della maggioranza. Ciò è l'esatto contrario di quel che viene pubblicizzato ove si descrivono dinamiche grazie alle quali tutti si aiutano e diventano ricchi ma la realtà è molto più dura. Infine molti che ricevono danno da questi sistemi non denunciano poiché sperimentano un senso di vergogna e di inadeguatezza che blocca la reazione: in questo modo il sistema si espande sino a che qualcuno non trova il coraggio di esporsi o vi sia un controllo di qualche autorità di vigilanza sul settore. Nel frattempo però molti hanno alimentato la rete.

 

 

STRUMENTI DI AUTO-AIUTO ED ANALISI:

ALCUNI ELEMENTI DA VERIFICARE

PER UNA PRIMA SOMMARIA VALUTAZIONE DEL SISTEMA.

 

Più elementi tra quelli indicati di seguito trovate nel sistema che state analizzando, maggiore è la probabilità che si tratti di un sistema piramidale (mascherato in un sistema multilevel).

 

  • CENTRALITA' DEL RECLUTAMENTO: enfasi sulla necessità di inserire altre persone nel sistema, il reclutamento diviene la maggior fonte di reddito

  • ARRICCHIMENTO FACILE: promessa di un grande guadagno in poco tempo

  • GUADAGNO PASSIVO: si pubblicizza un guadagno passivo dopo aver svolto una certa attività

  • PAGAMENTO PER ENTRARE: è necessario acquistare una certa quantità di prodotti per entrare nel sistema o pagare una quota d'ingresso

  • PREZZO FUORI MERCATO: costo dei prodotti venduti molto superiori rispetto al costo di prodotti equivalenti sul mercato

  • VENDITA SOLO CON MLM: i prodotti vengono venduti solo (o prevalentemente) con il sistema MLM e non con canali normali

  • SISTEMA COMPLESSO DI GUADAGNO: sistemi di retribuzione non chiari e complicati

 

 

VAI ALLA PAGINA FACEBOOK

profilof 

 

 

 

 

….continua....

 

 

 

NOTA : LA VALUTAZIONE DI SISTEMI SPECIFICI RIENTRA NELLA MIA ATTIVITA' PROFESSIONALE QUINDI BENEFICIANDO DELLE TUTELE ATTIVE IN QUESTO CASO (RISERVATEZZA, NON PUBBLICITA', USO PERSONALE). QUESTI SCRITTI SONO DI PURO ORIENTAMENTO E NON SI RIFERISCONO A NESSUNA AZIENDA IN PARTICOLARE. LA SUSSISTENZA DI PRATICHE COMMERCIALI SCORRETTE VA VERIFICATA NEL CASO CONCRETO CON UN'ATTENTA ANALISI DI TUTTI GLI ELEMENTI COINVOLTI.

 

 

Scroll to top